Champions League Sorteggi e speranze

Champions-LeagueGiusto il tempo per ammainare speranze (parliamo di Juventus e Napoli, uscite, più o meno giustamente, ridimensionate dall’ultimo turno dei gironi) o concludere i brindisi a champagne (per il Milan, unica italiana ad approdare agli ottavi di finale, fresca di pareggio interno con la sorprendente Roma d’inizio stagione) ed ecco che la Champions League torna a far parlare di sé. L’inizio della fase a eliminazione diretta (per tutti gli appassionati, è qui che comincia la “vera” Champions) è ancora lontano, dato che due mesi, nell’arco di una stagione calcistica, costituiscono una distanza siderale. L’appuntamento è, infatti, al 18/19 febbraio, quando la prima tranche del primo turno degli ottavi si disputerà, offrendo una serie di incroci piuttosto interessanti: Manchester City-Barcellona è subito un incontro di grande fascino tra una realtà in via di consolidamento e l’indiscussa forza di una squadra rinnovata nello spirito da Tata Martino: se Leo Messi dovesse risolvere i problemi fisici che ne hanno condizionato il recente rendimento, potrebbero essere dolori per tutti, anche perché l’intesa col gioiello Neymar è parsa in crescente miglioramento. Niente male pure lo scontro sull’asse Leverkusen-Parigi: la terza squadra tedesca affronta l’astro nascente del football europeo, una delle ultime speranze di affermazione continentale per uno Zlatan Ibrahimovic fresco eliminato anche in prospettiva mondiale. Il 19 febbraio sarà la volta di Arsenal-Bayern, forse l’incrocio più affascinante del lotto: due grandi squadre, di cilindrate differenti, entrambe innervate d’influenze latine. I Gunners sono i “più francesi” tra i britannici, mentre i bavaresi hanno ormai assimilato l’iniezione “iberica” connessa all’approdo in panchina di Guardiola. Milan-Atletico è, d’altro canto, un confronto insidioso: gli uomini di Simeone sono tra le grandi rivelazioni del calcio iberico, ma il Milan, nonostante le crisi varie attraversate, resta sempre una squadra “da coppe”. Sarà importante la condizione psicofisica con cui si presenterà all’appuntamento.

Una settimana dopo, sarà la volta degli altri quattro ottavi: Zenit San Pietroburgo-Borussia Dortmund, plausibile confronto tra squadre insidiose. Difficilmente possono arrivare in fondo (i tedeschi sono vicecampioni, ma non paiono rafforzati rispetto alla stagione passata), ma chiunque trovi la vincente tra le due ai quarti, dovrà sudare non poco. Olympiacos-Mancheste United è forse l’ottavo sulla carta più leggibile, con gli inglesi che i paiono ampiamente in grado di contenere le folate greche. Si completa il quadro con Schalke 04-Real Madrid, la tedesca più abbordabile sulla carta toccata in sorte a coloro che, per chi scrive, sono i favoriti per la vittoria finale, e Galatasaray-Chelsea, scontro tra due squadre arcigne, difficilmente candidate al trionfo, ma clienti difficilissimi per qualsiasi successivo avversario.

È sicuramente prematuro azzardare previsioni, ma, nel campo delle scommesse, puntare soldi in anticipo si può spesso rivelare un grande vantaggio: stando alle quote Snai (www.snai.it), personalmente, pensiamo che il Bayern, giustamente favorito numero uno per la vittoria, abbia una quota eccessivamente bassa. Gli preferiamo di certo il Real (potrebbe davvero essere il suo anno, e 5,00 resta comunque una valutazione invitante), il Barça (5,50) e, come “sorprese”, il PSG. Che sia la volta buona per Ibra e compagni?

Champions League Sorteggi e speranzeultima modifica: 2013-12-29T13:27:12+01:00da max-poker
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento