Stoner vince sul circuito di Assen

assen, motogp, sport, notizie, news, stonerSi è conclusa questa tappa del Moto Gp di Olanda e non poteva certamente mancare sul podio il campione in carica: parliamo di Casey Stoner. Il pilota australiano regala così scommesse sportive vincenti ai suoi tifosi e porta a casa un’altra vittoria, trionfando sul circuito di Assen.

Il circuito di Assen si è da sempre caratterizzato per le precedenti vittorie delle due ruote firmate dalla Yamaha, ma per quest’anno sembra proprio che le sorti del Moto Gp si siano rovesciate: difatti, sono proprio le Honda di Casey Stoner e Dani Pedrosa ad occupare i primi due posti, portando in alto il nome del Repsol Honda Team. Dietro alle due veloce Honda dell’australiano e dello spagnolo, troviamo la Yamaha di Andrea Dovizioso che si deve accontentare del terzo gradino del podio giacché è riuscito a concludere i suoi giri in pista in un crono di 41’31.849.

La classifica della gara del Moto Gp di Olanda prosegue con la conquista del quarto e del quinto posto da parte dei piloti Ben Spies e Cal Crutchlow; lo statunitense ed il britannico, sfortunatamente, non sono riusciti a far di meglio in questa gara. Al sesto posto, invece, vediamo un altro posto conquistato da uno statunitense, Nicky Hayden, che in sella alla sua Ducati realizza un tempo totale di 41’51.515

Hector Barbera e Randy De Puniet, poi, conquistano l’ottavo ed il nono posto, lasciando dietro di sé un tris di moto italiane: sono Michele Pirro, Mattia Pasini e Danilo Petrucci. Pessimo il risultato ottenuto dal Dottore: Valentino Rossi, difatti, non riesce a conquistare posizioni più alte con la sua Ducati e si piazza in tredicesima posizione regalando pessime scommesse sportive ai propri tifosi ed una nuova delusione per tutti i ducatisti. Nel frattempo, i tifosi del pilota australiano possono ben gioire, giacché il pilota continua a portare a casa risultati davvero soddisfacenti!

Stoner vince sul circuito di Assenultima modifica: 2012-07-03T15:53:04+02:00da max-poker
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento