Pol Espargaro è il vincitore al Moto 2 di Jerez

Pol Espargaro, Moto 2,motomondiale,sport, news, notizie, motociclismo, motoPer il Moto 2 svoltosi sul circuito spagnolo di Jerez de la Frontera si sono potute effettuare delle interessanti scommesse sportive sul pilota Pol Espargaro. Fino al momento in cui è stata sventolata la bandiera rossa, il primo posto era del pilota Marc Marquez, che però è stato beffato proprio da quest’imprevisto di gara.

Ieri, il Moto 2 è stato in grado di regalarci una competizione davvero ricca di sorprese: difatti, dopo un’apparente vittoria conquistata dal pilota spagnolo Marc Marquez, vi è stato un vero e proprio ribaltamento delle carte con la conquista del primo posto eseguita dallo spagnolo Pol Espargaro. Difatti, nel frangente in cui è stata esposta la bandiera rossa, il vice-campione del mondo in carica ha ceduto involontariamente il posto allo spagnolo Espargaro, conquistando il secondo posto.

Dietro di lui, invece, a chiudere le scommesse sportive troviamo il pilota del team Interwetten-Paddock ossia lo svizzero Thomas Luthi che insieme alla sua Suter è riuscito a rientrare nella terna fortunata. Il quarto ed il quinto posto, invece, sono andati al britannico Scott Redding, che ha corso per il team Marc VDS Racing, ed il giapponese Takaaki Nakagami che ha fatto rientrare nella top 5 l’Italtrans Racing Team. Sempre dell’Italtrans Racing Team vediamo al sesto posto il pilota italiano Claudio Corti, mentre che dopo di lui in settima posizione si è posizionato il pilota finlandese Mika Kallio.

Proseguendo la classifica delle oramai scommesse sportive andate male, vediamo che in ottava posizione c’è lo svizzero Dominique Aegerter. A chiudere la top 10, invece, ci sono lo spagnolo Toni Elias ed il francese Johann Zarco. Insomma, Pol Espargaro è stato veramente molto bravo a bordo della sua Kalex ed in questo modo ha regalato scommesse sportive davvero fortunate per i suoi tifosi.

Pol Espargaro è il vincitore al Moto 2 di Jerezultima modifica: 2012-04-30T13:49:15+02:00da max-poker
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento