Serie A: Atalanta Napoli 0-0

pareggio, pari, Atalanta, Napoli, serie a, calcio, sport, newsLa sfida di ieri a Bergamo, tra Atalanta e Napoli, si è conclusa con un pareggio in campo e alle calcio scommesse particolarmente sudato, soprattutto per i partenopei che si son salvati con Cavani. A decidere le sorti della partita tra Atalanta e Napoli, sono stati rispettivamente German Denis, capace di far sognare Bergamo e, alla fine, Edinson Cavani, in grado di siglare il pareggio.

Non sono certo mancate le emozioni, ieri sera a Bergamo, per la sfida tra l’Atalanta e il Napoli, con entrambe le squadre desiderose di portare a casa i tre punti: ad imprimere un ritmo sostenuto alla gara, sono stati dapprima i partenopei, che hanno dato prova di un buon gioco soprattutto fino al trentesimo, impensierendo in parecchie occasioni la retroguardia bergamasca. Per l’Atalanta, a causa del gioco difensivo, non era ancora possibile pronosticare il risultato finale in pareggio alle calcio scommesse e in campo.

La prima frazione di gioco a Bergamo, del resto, vede soprattutto nell’ultimo quarto d’ora un’Atalanta forse un po’ più in grado di esprimere anche il suo gioco, se non altro, grazie alla capacità di fronteggiare le iniziative del Napoli con più incisività: il primo tempo, comunque, si chiude sul risultato di 0 a 0, senza grossi scossoni, anche a causa dell’assenza delle occasioni da goal, con un risultato in campo e alle calcio scommesse che non sembra trovare la via della vittoria per nessuna delle due squadre.

Nella ripresa, poi, le cose cambiano: l’Atalanta si dimostra molto attiva e riesce a portarsi in vantaggio, con grande merito, grazie a un goal di Denis che porta in vantaggio la squadra bergamasca e sembra regalare ai nerazzurri la possibilità di vincere in campo e alle calcio scommesse. Il recupero napoletano arriva al 94, dopo un ulteriore minuto di recupero decretato dall’arbitro in seguito alle sostituzioni, con goal di Cavani.

Serie A: Atalanta Napoli 0-0ultima modifica: 2011-11-29T00:03:59+01:00da max-poker
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento