Sempre più in alto Antonietta Di Martino

antonietta de martino.jpgA quanto pare si è potuto scommettere sicuro sull’atleta azzurra, Antonietta di Martino, la quale si è rilevata davvero brava durante il salto in alto. La giovane atleta ha portato a casa un record davvero importante per l’Italia: stiamo parlando di 2.04 metri! Ad anticipare questo si sono visti ben 10 salti: 1.82, poi 1.86, 1.89, 1.92, 1.96, 2.00 e 2.02, tutte misure superate al primo tentativo.

Dietro di lei, a farle le spalle, si è vista l’atleta russa di 24 anni, Shkolina Svetlana, che a sua volta è stata capace nei due metri. Ma Di Martino, grazie anche al supporto del suo allenatore, Massimiliano, che nella vita è anche suo marito, è stata capace di volare molto più in alto, regalando così a tutti gli appassionati dello sport uno scommettere sicuro.

Ma ecco cosa ne pensa l’atleta azzurra su cui scommettere sicuro: “Ho ritrovato le mie ali – ha commentato la Di Martino -. Me lo sentivo che stavo bene e mi sono detta subito che avrei fatto 2 metri. Poi quando li ho fatti, sentivo di averne ancora in corpo e mi sono ripetuta dentro che avrei fatto 2,02 e l’ho fatto. Ero tranquilla, concentrata, io sola contro l’asticella, fino a 2,02 non l’ho nemmeno sfiorata, su una pedana che mi piace molto e che, a giudicare dai risultati, mi porta proprio fortuna. I 2,04? Ci ho provato, per me che sono 1,69 quella è una misura altissima. I primi due salti niente, poi ho capito che se riuscivo ad entrare un pò più forte e a mantenere certi parametri durante la rincorsa ci sarei riuscita. O la va o la spacca mi sono detta ed è andata, anche se ho fatto tremare l’asticella e quando ero ormai dall’altra parte, quei secondi infiniti che sono rimasta a fissarla sperando che non cadesse mi hanno stretto il fiato in gola. Poi non mi sembrava vero. Ora mi godo questo momento. Parigi? Non ci voglio ancora pensare troppo. Andrò lì e farò quello che devo fare: saltare”.

Sempre più in alto Antonietta Di Martinoultima modifica: 2011-02-14T22:29:00+01:00da max-poker
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento