Juve k.o. in campo

juve_parma.jpgA Torino, la partita tra Parma e Juventus ha registrato un clamoroso colpo di scena: la formazione emiliana, difatti, è riuscita ad imporsi a danno dei bianconeri, i quali, hanno subito una netta e pesante sconfitta, con un risultato finale – 1 a 4 – che non dà adito ad alcun dubbio circa il merito della vittoria dei gialloblù. Per la Juventus, questa prima sconfitta – in campo e alle calcio scommesse – del 2011, ha un sapore amaro.

La partita contro il Parma, per la Juventus, è stata una sconfitta netta: per gli emiliani, si sono visti in goal Giovinco – con una doppietta – Crespo, su rigore e, infine, Palladino. I bianconeri, dal canto loro, hanno visto solo Legrottaglie andare in rete. Ciò che ha causato in modo pesante la sconfitta della Juve, in campo e alle calcio scommesse, va ricercato nell’infortunio di Quagliarella – per il quale è finito il campionato e l’espulsione di Melo, per un fallo bruttissimo.

La Juventus, sicuramente, non ha brillato particolarmente per un buon gioco, anche a causa del già citato infortunio e dell’espulsione: la squadra di Del Neri, soprattutto per quanto riguarda la prestazione di Krasic, Marchisio e Aquilani, non ha saputo concretizzare grandi occasioni. In questo modo, il Parma ha saputo gestire bene il vantaggio acquisito in campo, anche grazie alla superiorità numerica, guadagnandosi una netta vittoria in campo e alle calcio scommesse.

Sin dai primi momenti della partita, comunque, a Torino non si è visto molto spettacolo: la Juventus ha provato a portarsi avanti, registrando comunque una rete annullata nel primo tempo. Da segnalare, inoltre, la bella punizione di Pepe che, tuttavia, non ha portato vantaggio alla Juve. Il Parma, con il goal di Giovinco – il quale non è il goleador di turno – ha dato una svolta alla partita, guadagnandosi – anche grazie alle reti di Crespo e di Palladino – una vittoria in campo e alle calcio scommesse.

Juve k.o. in campoultima modifica: 2011-01-09T20:22:03+01:00da max-poker
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento