Doppietta Red Bull per il GP Cina 2010

vettel-pole-position.jpgE’ di nuovo tempo di formula 1 ma la musica è sempre la stessa ed anche sul circuito di Shanghai, la Red Bull si conferma la monoposto più veloce. Quarta pole position consecutiva per questo team che capitanato da Chris Horner sta dimostrando una forza ed un impegno incredibili. Doppietta Red Bull quindi con Sebastian Vettel, che ha girato in 1’34″518, ed il compagno di squadra Mark Webber che con il suo 1’34″806, gli si è francobollato. La Ferrari di Alonzo, contro ogni scommessa e pronostico sportivo, si propone invece in un inaspettato terzo posto.

Anche se il weekend di Shanghai dava poche probabilità alla Ferrari di riuscire a guadagnarsi la pole, Fernando Alonso con un inaspettato 1’34″913, ha ottenuto quello che possiamo senza dubbio definire un risultato niente male. Ma per Felipe Massa niente festa e dovrà accontentarsi di un settimo posto sulla griglia di partenza. La McLaren di Lewis Hamilton invece ha fatto un pochino meglio del pilota Ferrari, aggiudicandosi un sesto tempo. Seguono in quinta posizione l’ex campione del mondo Jenson Button , mentre affiancherà Alonzo in seconda fila Nico Rosberg con la sua Mercedes.

Male Michael Shumacher che a causa di un non ritrovato assetto sul circuito di Shangai, precipita oltre il nono tempo complessivo. Malissimo invece per i piloti italiani, con Vitantonio Liuzzi che partirà da un lontanissimo diciottesimo posto in griglia e Jarno Trulli che a causa dell’inaffidabilità della sua Lotus dovrà partire dalla ventesima posizione.

Ma sappiamo bene che la pole non sarà sufficente a designare i vincitori e sicuri di assistere ad uno spettacolo ricco di sorprese, a noi non resta che affidarci ai bookmakers per fare le nostre buone scommesse sportive online. Ricordandovi che il GP Cina 2010 partirà domani mattina, vi auguro una buona visione e vi invito al prossimo post per commentare il dopo gara.

Doppietta Red Bull per il GP Cina 2010ultima modifica: 2010-04-17T11:11:00+02:00da max-poker
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento